C'è un limite a tutto!!

AddThis Social Bookmark Button

gayboys"«Con il suo pop raffinato, Rufus Wainwright sarà a Sanremo 2014», annuncia un comunicato ufficiale del Festival della canzone 2014. Ma le performance del cantautore travestito da Cristo in croce, e il testo di una delle sue canzoni cult, «Messiah gay», che mescola battesimo e sperma, attesa del Messia gay e porno anni '70, non sono sembrate per nulla raffinate a molti credenti (e non solo) in agitazione sulla rete, sui siti internet e su twitter. Le proteste riguardano soprattutto l'utilizzo del canone Rai, soldi pubblici che vengono usati per ospitare un personaggio noto anche per le sue canzoni e le sue prese di posizione irridenti verso la fede. E su Facebook e Twitter già numerose persone hanno proposto di boicottare la trasmissione presentata da Fabio Fazio e Luciana Littizzetto. L'operazione, secondo le voci che circolano sul web, sembra studiata a tavolino per provocare. Rufus Wainwright, insieme al compagno Jorn Weisbrodt, con cui è unito da nozze gay avvenute nel 2012 a New York, ha annunciato la nascita della figlia Viva Katherine grazie all'utero in affitto di Lorca Cohen, la figlia di Leonard Cohen. RS" (ripreso da giornale.it)

Cosa c'era da attendersi da due tipi come Fazio e la Littizzetto? Ma noi cattolici, noi che ci teniamo a rispettare tutte le religioni, abbiamo il diritto di difenderci e di fare cerchio di fronte ad una simile e schifosa provocazione. Certamente, è vero, alle provocazioni in genere non si risponde, ma c'è un limite a tutto.

Cosa accadrebbe se noi cattolici osassimo fare affermazioni simili riguardo a fondatori di altre religioni? Si scatenerebbe il finimondo. Perché, invece, quando si tratta di provocazioni pubbliche ed ignobili nei confronti della religione cattolica, gran parte dei pulpiti culturali ed anche religiosi cattolici tacciono?

Perché, diciamolo francamente, la dolce ma terribile dittatura del relativismo è penetrata anche nei nostri ambienti, dove, in nome di una falsissima tolleranza, passa ormai di tutto, inquinando come una marea di fango le giovani generazioni, che invece dovrebbero imparare da noi a capire cosa significa il vero rispetto e il vero dialogo tra culture e religioni.

Diciamolo francamente, non è questo il frutto amaro della concezione eccessivamente umana  di Gesù che biblisti e teologi hanno fatto passare come frutto di una esegesi onesta ed oggettiva? Gesù, in fin dei conti, fu un uomo come noi. Furono i primi cristiani, apostoli compresi, a tradurre linguisticamente l'esperienza soggettiva di rinascita interiore.

Diciamolo francamente, non è ora di finirsela con questa "visione omosessuale" di molti personaggi della Bibbia, Gesù compreso? È di questo giorni la notizia che i due personaggi del Cantico dei Cantici non siano un ragazzo e una ragazza, ma due maschietti che decantavano le loro esperienze sessuali!

Io sto con Francesco, il quale non giudica gli omosessuali, perché anche loro sono chiamati - e molti lo fanno - ad una ricerca sincera di Dio. Non mi sognerei mai di giudicare o condannare un omosessuale per la sua tendenza e per il fatto di scegliere di stare con una persona dello stesso sesso. Ma non mi sognerei mai e poi mai di "filtrare" tutta la realtà, religione compresa, a partire dalla prospettiva omosessuale! 

Per questo, nel mio blog, sono indignato, offeso ed anche arrabbiato che la RAI pensi di trasmettere un simile scempio ... e spero veramente che prevalga non una visione cattolica del servizio pubblico, ma almeno il sano buonsenso ... ma forse pretendo un po' troppo, diciamo un po' di buongusto!

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna