Chiesa e forze del caos

AddThis Social Bookmark Button

cosmicorderL'obelisco egizio che campeggia in Piazza San Pietro si trovava originariamente in Alessandria d'Egitto e fu trasportato a Roma nel 37 d.C. dall'imperatore Caligola, che lo pose nel circo di Nerone. Quando il circo cadde in disuso e l'area fu trasformata in una necropoli, l'obelisco restò nella sua posizione anche quando fu costruita proprio in quell'area l'antica Basilica di San Pietro.

Sisto V lo fece poi trasferire in Piazza San Pietro - il 26 settembre 1586 - apponendo sulla sommità una croce e facendo incidere sulla sua base marmorea delle iscrizioni. Particolarmente interessante quella di levante, che dà sulla città di Roma, e che sarebbe un'antichissima formula esorcistica, suddivisa in tre elementi: 

Ecce crux Domini ("ecco la croce del Signore" - ostensione della croce);

Fugite partes adversae ("Fuggite forze del caos" - esorcismo vero e proprio); 

Vicit Leo de tribu Juda ("Vinse il leone della tirbù di Giuda" - acclamazione finale). 

In tal modo, Piazza San Pietro delimita il confine simbolico dello scontro tra il caos (il mondo del male) e il cosmo (il mondo di Dio). Anzi, proprio in quel luogo tale scontro è particolarmente virulento, perché alle spalle dell'obelisco vive il successore di Pietro, il papa, che secondo la Bibbia è garanzia che le porte degli inferi non prevarranno (cfr.  Matteo 16,18).

Quel luogo rappresenta simbolicamente anche la Chiesa universale, anch'essa bersaglio del più accanito attacco del mondo del male. Il diavolo riuscirà a vincere la Chiesa? Cosa rappresenta sulla terra?

Guarda il booktrailer

In tutte le librerie ... oppure online ibs ico

Commenti   

0 #1 Don 2014-08-09 14:50
Cosa scriverai prossimamente?
Citazione

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna